ARIAC

1972 - 2014

 

Home

 

 

GA%2015%2030%20VSD.JPG

 

 

ARIAC srl

via delle Querce 5

40011

Anzola Dell'Emilia    Bologna - Italy

tel: +39 051 739412

 

F.A.Q.

Ho "ereditato" la gestione della sala compressori , quali sono le prime cose da fare per verificare di essere a norma?

Per impianti nuovi – impianti traslocati – serbatoi nuovi : dovrà fare la pratica di “richiesta di messa in servizio”

Si prevede ad inviare all’ INAIL una serie di documenti tra i quali una relazione tecnica con disegno , scopri il dettaglio alla pagina <<norme e leggi  

Ho comprato il compressore nuovo devo fare una denuncia ??

Si , all'INAIL , la pratica si chiama dichiarazione messa in servizio , vedi nel dettaglio

Inserendo un compressore nuovo , posso continuare ad usare il serbatoio vecchio ??

Si , se è stato regolarmente denunciato ed è mantenuto con le verifiche periodiche AUSL.

NO , se avete perso o addirittura non fatto le verifiche periodiche.

In linea generale un apparecchio in pressione sottoposto a qualsiasi regime di verifiche periodiche non potrà esercire se non verificato dall'organo competente. Anche il R.D. n. 824/27 ammetteva una sospensione di esercizio previo avviso del possessore o proprietario; idem viene riproposto dall'art. 7 del DM 329/04. Salvo quindi casi di autodenuncia di un utilizzatore con conseguenti sanzioni, occorre denunciare il riavvio degli apparecchi in pressione "ombra", attraverso quanto disposto dal combinato dell'articolo 7 del DM 329/04 e dell'art. 6 del R.D. 824/27.

Solitamente la denuncia di riavvio deve far riferimento ad una denuncia di "messa fuori esercizio"; è quindi chiaro che in assenza di quest'ultima occorre avere valide motivazioni, accompagnate da una congrua relazione tecnica circa le indagini e le verifiche da sostenere.

Consideranzo le sanzioni , i bollettini per le verifiche , l'intervento tecnico di un idraulico per la messa in pressione con acqua , normalmente è anti-economico fare una operazione di questo genere.

Come azienda potete fare il certificato di verifica dei serbatoi ??

No , non siamo autorizzati a rilasciare certificati di questo tipo.

L'articolato combinato disposto fra il D.Lgs. 81/08 e il DM 329/04 al momento non lascia dubbi: la verifica di installazione e prima verifica periodica spettano all'INAIL ; mentre tutte le altre verifiche periodiche spettano alla ASL -USL - Arpa, a seconda di come in ogni Regione si sia disposto per regolamento regionale.

Con il D.lgs. n° 106/09 del 3 Agosto scorso 2009 , sono dati dei tempi di intervento dalla data della denuncia in 60 gg per l'Ispesl (ora confluito in INAIL) , dopo di che in caso di lettera morta da parte dell'ente si è automaticamente autorizzati a ricorrere all'ASL la quale ha 30gg per intervenire , trascorsi inutilmente autorizzerebbero l'utilizzatore a rivolgersi ad altro Organismo Autorizzato ( pubblico o privato) dal Ministero.

E chiaro che qualsiasi cittadino si può "patentare" per l'esecuzione dei controlli spessimetrici, ma è un regime abiltativo che serve ad espletare l'attività all'interno di un processo autorizzativo: pertanto, le sue verifiche possono essere utili e necessarie ai fini delle verifiche di integrità o di messa in esercizio, ma purtroppo non sono sufficienti a sostituire le verifiche degli Organi competenti (vedi sopra). Le verifiche degli spessori però possono costituire importantissima documentazione del datore di lavoro ed utilizzatoreal fine di adempiere a quanto richiesto dall'art. 70 e segg. del D.Lgs. 81/08 (es.: redazione del DVR).

Che differenza c'è fra un compressore 40 hp e 30 kw ??

Nessuna , solo l'unità di misura , la potenza 30 kw x 1,36 = 40 hp

Ho un compressore a 8 bar , ma la pressione di rete tende a calare a causa delle nuove macchine installate , me ne serve uno a 10 bar??

No , le serve un compressore con maggiore portata e non maggiore pressione . Ci consulti per un corretto dimensionamento.

Siete in grado di prendere in gestione tutta la sala compressori e accessori o solo gli Atlas Copco??

Nonostante ATLAS COPCO ricopra per noi quasi l'80% del nostro parco manutenzioni , ci siamo attrezzati negli anni con personale idoneo all'intervento anche su compressori della concorrenza , tra le maggiori marche ricordiamo KAESER  e INGERSOLL RAND.

Inoltre , grazie alla diffusione sul territorio di prodotti come FINI e FIAC , anche per motivi di vicinanza geografica con i costruttori  abbiamo una forte esperienza su questi prodotti .

In generale bisogna ricordare che il brevetto del compressore a vite viene da Atlas Copco , bene o male tutte le macchine presenti sul mercato hanno subito una grossa influenza da questo marchio , basti pensare al sistema di messa a vuoto / messa a carico di Atlas Copco adottato da tutti i costruttori , tranne uno , che dopo alcuni anni di ostentazione sul sistema modulare è passato anch'egli al sistema load/unload.

Dicasi lo stesso per le macchine inverter di ultima generazione : nel 1994 Atlas Copco li propose per prima e i concorrenti , non avendo il prodotto pronto , ne dissero di tutti i colori ; oggi puntano tutti su questa tecnologia.

Quando conosci bene gli Atlas , come li conosciamo noi , nessun compressore è fuori dalla nostra portata.

Cosa vuol dire classe aria compressa 1.4.1 ??

E' il riferimento alla ISO 8573-1 . E' una classe di qualità dell'aria compressa . Ogni numero rappresenta un inquinante diverso : particolato , acqua , olio.

Nello specifico la 1.4.1 si ottiene utilizzando questi componenti : compressore a vite + filtro antiparticolato + essiccatore frigorifero + filtro antiolio

vedi nel dettaglio

Come posso fare una analisi dei consumi di aria compressa ??

Se l'impianto esiste già , è possibile installare un analizzatore chiamato MEASURAMENT BOX , al fine di valutare i consumi elettrici e di aria compressa .

Il servizio ha un costo , ma generalmente se l'ottimizzazione dell'impianto prevede la sostituzione del compressore e questi viene acquisato da noi , viene fatta poi nota di accredito per il servizio di misurazione

Se l'impianto non esiste ancora , bisogna evidentemente fare una analisi teorica ed è necessario valutare caso per caso.

 ---------------------------

Se hai domande andrea.benassi@ariac.it

 

 

 

 

 


Home | Chi siamo | Novità | Prodotti | Contratti | Manutenzione | Norme e Leggi | F.A.Q. | Notizie dal mondo | Offerte

Questions or problems regarding this web site should be directed to andrea.benassi@ariac.it
Copyright © 2014 ARIAC srl . All rights reserved.

ast modified: 10/31/14.