News

Registrati alla presentazione online dei nuovi compressori mobili ad alta pressione Atlas Copco XRXS

   Overview Group

 

 

 

Le pagine più viste  :

Detrazioni dell'imposta per tutti i motori ad alta efficienza

Classe uno e zero secondo l'iso 8573

Prodotti

Prezzi

Libretto d'impianto

Pagina dell'USATO

I flash maggiormente scaricati :

I vantaggi di una corretta  manutenzione

Brochure consigliate:

Manutenzione ed energia

Sistema MED per aria compressa uso medicale

Catalogo generale utensili elettronici

Compressori 11-30 kw inverter 

Compressori 30-90 kw inverter

  

AMMINISTRAZIONE 

 info@ariac.it 

patrizia.busi@ariac.it

UFF COMMERCIALE

 andrea.benassi@ariac.it

sabrina.vitali@ariac.it 

ASSISTENZA TECNICA

info@ariac.it

Nuove pagine inserite nel sito 

Pagina dell'usato

 

 

Linee guida per utilizzare al meglio e in modo corretto l’aria compressa


E’ ormai riconosciuta l’importanza di trattare adeguatamente l’aria compressa nei processi lavorativi con lo scopo di migliorare la produzione da un lato e salvaguardare le macchine operatrici dall’altro.

L'IMPIANTO PER ARIA COMPRESSA
Per ottenere aria compressa di qualità, è necessario ricordare che:
  • La manutenzione ed il funzionamento dei compressori e dei loro ausiliari e dei sistemi primari deve essere in accordo con le istruzioni e le specifiche dei costruttori.
  • Il lubrificante deve essere in accordo con le specifiche del compressore.
  • Il compressore o la sua linea di aspirazione devono essere posizionati in un'area con la più bassa possibile contaminazione da esausti da motore a scoppio, processi di scarico, ecc.
  • E' consigliabile installare un filtro sulla linea dell'aria compressa il più vicino possibile al punto di utilizzo.
Schema tipico per un impianto di generazione
di aria compressa
A seconda dell'applicazione, gli essicatori e i filtri possono essere posizionati a monte del serbatoio per immagazzinare aria secca.
NOTA - I simboli usati, con eccezione di quello per l'aria, sono in accordo alle ISO 1219 - 1. Il simbolo per l'aria è in accordo con le ISO 7000.

Per meglio illustrare la problematica, l’A.I.T.A.C. - Associazione Italiana Trattamento Aria Compressa - ha stilato un documento concentrato che si articola su una serie di argomenti:
  • principali enti di normazione
  • l’attività di normazione
  • internazionale
  • PNEUROP
  • normativa ISO di riferimento
  • contaminanti
  • classi di qualità
  • metodi dei test

PRINCIPALI ENTI NORMATORI
Ogni nazione ha il proprio istituto di normazione.
UNI - Ente Italiano
DIN - Ente Tedesco
BSI - Ente Inglese
AFNOR - Ente Francese

L'ATTIVITA' NORMATIVA A LIVELLO INTERNAZIONALE
ISO
- International Organization for Standardization
L’ISO è l’Ente che promuove e coordina i lavori di normazione a livello internazionale: ad esso aderiscono gli istituti normatori nazionali di novanta Paesi ed ha come scopo la promozione della normazione nel mondo, al fine di facilitare gli scambi dei beni e servizi e di sviluppare a livello mondiale la collaborazione nei vari settori.
Ai lavori dell’ISO prendono parte ogni anno oltre 20.000 tecnici di tutto il mondo.

L'ATTIVITA' NORMATIVA A LIVELLO EUROPEO
PNEUROP
- European Committee of manufacturers of compressors, vacuum pumps and pneumatic tools
A livello europeo l’attività normativa e promossa e coordinata dal PNEUROP, organizzazione alla quale aderiscono costruttori di macchinari e apparecchi per la produzione ed il trattamento dell’aria compressa.
Elabora guide di riferimento per i costruttori e collabora con Enti di normazione (ad esempio ISO) affinché emanino o modifichino norme internazionali.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO
Per un utilizzo corretto, in termini generali, dell’aria compressa le norme di riferimento sono:

ISO 8573 - 1

Il suo scopo è quello di definire le classi di qualità per l’aria compressa industriale per uso generale senza considerare la qualità dell’aria in uscita dal compressore.
Il livello di qualità dell’aria compressa per particolari applicazioni deve essere basata sul valore risultante di molte misure eseguito in uno specifico periodo di tempo ed in condizioni operative ben definite.
Questa parte delle ISO non è applicabile all’aria respirabile ed all’uso medicale.

CLASSI DI QUALITA' ISO 8573-1
Classe Max diametro (1)
della particella
Max concentrazione (2) Massimo diametro
della particella
e della concentrazione
del contaminante
1 0,1 micron 0,1 mg/mc
2 1 micron 1 mg/mc
3 5 micron 5 mg/mc
4 15 micron 8 mg/mc
5 40 micron 10 mg/mc
(1) Il diametro della particella è basato sul rapporto Beta Bn = 20
(2) A 1 bar assoluto, + 20° C, pressione di vapore relativo 0,6

 

CONTENUTO DI ACQUA ISO 8573-1 - Classi
Classe Massimo dewpoint in pressione Massimo punto di rugiada
in pressione
1 - 70
2 - 40
3 - 20
4 + 3
5 + 7
6 + 10
7 ----

 

CONTENUTO DI OLIO ISO 8573-1 - Classi
Classe Massima concentrazione (1) Massimo contenuto
d'olio
1 0,01 mg/mc
2 0,1 mg/mc
3 1 mg/mc
4 5 mg/mc
5 25 mg/mc
(1) A 1 bar assoluto, + 20° C e pressione relativa di vapore di 0,6

ISO 8573 - 2

Lo scopo di questa norma è quello di definire i metodi e test da utilizzare per determinare il contenuto d’olio (escluso vapori) presente nell’aria compressa.

CONTAMINANTI
I due maggiori contaminanti presenti nell’aria compressa sono:

  • Solidi (polveri)
  • Liquidi (aria - olio)

Essi si influenzano reciprocamente (come ad esempio gli agglomerati di particelle solide che in presenza di olio o acqua formano particelle più grandi)
Olio e acqua formano emulsioni e talvolta si depositano o condensano all’interno della tubazione di lavoro. L’olio e l’acqua causano agglomeramento delle polveri con conseguente adesione alla superficie.

I solidi
La quantità di particelle solide presenti nell’atmosfera si possono stimare attorno ad un valore di 150 milioni per ogni metro cubo.
Cosa significa questo per l’utente dell’aria compressa?
Solidi con dimensioni minori di 10 micron non possono essere trattenute da filtri in aspirazione quindi vengono immesse nel circuito aria compressa.
Alcuni solidi possono avere un effetto catalittico e generare corrosione per la loro proprietà chimica.
A questo bisogna aggiungere particelle metalliche, ruggine e scaglie provenienti dalla rete di distribuzione. Questa contaminazione avviene con qualunque tipo di compressore, sia esso a pistoni o rotativo, oil-free o lubrificato.

I liquidi
- L’acqua - l’aria atmosferica contiene sempre vapore acqueo.
Quando l’aria è compressa, la pressione parziale del vapore acqueo aumenta, ma a causa dell’aumento della temperatura causata dalla compressione, non si ha condensazione.
Quando l’aria è successivamente raffreddata, l’acqua condenserà a liquido.
L’umidità può causare corrosione e danneggiare il prodotto finale.
- L’olio - nei compressori lubrificati, l’aria preleva inevitabilmente olio. Anche l’aria prodotta da
compressori non lubrificati può contenere tracce di olio aspirate dall’atmosfera. L’olio presente nell’aria compressa può essere allo stato liquido, aerosol, vapore.

METODI DI MISURAZIONE

Solidi
Dimensioni delle particelle
Conteggio delle particelle che impiega una scansione microscopica in combinazione con la ritenzione su una membrana di idoneità porosica.
Impatto per cascata che può essere eseguita mediante alte pressioni e temperature.
Concentrazione - metodo gravimetrico. Conteggio delle particelle e dispersione fotometrica che sono normalmente eseguite a pressione atmosferica.
Tali metodi richiedono speciali strumenti e abili operatori e perciò vengono eseguiti dai costruttori dei filtri o da istituzioni scientifiche. Differenti metodi non necessariamente danno risultati comparabili.

Vapore acqueo
- igrometro ad assorbimento piezoelettrico
- igrometro elettrico o elettronico
- psicrometro

Olio
- adsorbimento spettroscopico
- analizzatore di ionizzazione a fiamma
- analizzatore a infrarossi
- ossidazione degli idrocarburi al biossido di carbonio

METODI DI RIMOZIONE DEI CONTAMINANTI

Rimozione dei solidi
- separatori inerziali
- filtri particellari

Rimozione dell’acqua
- condensazione con separazione
- essiccatori frigoriferi
- adsorbimento

Rimozione dell’olio (aerosol)
- filtri coalescenti ad elevata efficienza

Rimozione dell’olio (vapore)
- adsorbimento

EVOLUZIONE DELLA ISO 8573
Parte 3: determinazione dell’umidità
Parte 4: determinazione delle particelle solide e dei contaminanti microbiologici
Parte 6: determinazione dei contaminanti gassosi

Manutenzione 
il nostro programma di gestione automatizzata della manutenzione
Scarica la documentazione TECNICA del tuo compressore o del tuo utensile
Noleggio macchine , quando conviene ....
Richiedi consulenza  tecnica o commerciale

Normative 

 

La guida dell'aria compressa 

 

MODULO DI RICHIESTA INFORMAZIONI O PREVENTIVI :

 I dati sensibili saranno trattati in conformità con la legge sulla privacy . ARIAC srl è un'azienda di forniture industriali con sede in Bologna  Non è possibile eseguire  forniture a privati , i nostri prodotti possono essere trovati presso DISTRIBUTORI AUTORIZZATI e IMPIANTISTI . I prodotti ATLAS COPCO sono in concessione  per le aree di Bologna e Ferrara

 

    Richiedente 

  Azienda             

Domanda  

 

Argomenti di interesse :

-Scopri come ottimizzare il rendimento della tua centrale compressori con il nostro servizio di manutenzione programmata  oppure se preferisci attraverso la   manutenzione ordinaria

-Grazie al nuovo sistema e-box puoi comodamente sfruttare tutte le potenzialità che le nuove tecnologie ci hanno messo a disposizione con il contratto di gestione telematica 

-Scarica la nostra brochure manutenzione ed energia e scopri com'è possibile risparmiare energia con alcuni semplici accorgimenti 

 -Atlas Copco è il leader mondiale quale fornitore di soluzioni che migliorano la produttività industriale.

La gamma di prodotti e servizi comprende sistemi per la compressione e il trattamento di aria e gas, gruppi elettrogeni, attrezzature per ingegneria civile e miniere, utensili industriali e sistemi di assemblaggio e relativi servizi di noleggio e aftermarket.

In stretta collaborazione con clienti e partner commerciali e forte di un'esperienza maturata in oltre 130 anni di attività, Atlas Copco punta sull'innovazione per garantire una maggiore produttività.

 

  Come si ottiene la qualità nell'aria compressa :

In breve la ISO 8573-1 indica i tre maggiori inquinanti :

OLIO - questo inquinante viene generalmente immesso nel circuito attraverso le inevitabili filtrazioni del sistema di lubrificazione del compressore , in un compressore a vite si parla di consumi di olio nella misura di 5 mmg/m3 . E' quindi necessario filtrare a valle l'aria oppure (ancora meglio) produrre direttamente con compressori PRIVI d'olio , detti anche OILFREE. L'unità di misura è il milligrammo su metrocubo. 

ACQUA - l'umidità è la maggior causa di ossidazione nei componenti ferrosi , esistono molti sistemi per togliere questo scomodo ospite dalle nostre tubazioni nella misura in cui è sufficiente a garantire le performance ottimali delle nostre attrezzature . Di base per tutte le applicazioni MECCANICHE e movimentazione con cilindri pneumatici si usano sistemi di raffreddamento con temperature prossime allo zero per fare condensare l'umidità e poi scaricata con l'ausilio di automatismi : questi sono gli essiccatori frigoriferi . Per i laboratori per le verifiche dimensionali , dove normalmente operano macchine più sensibili , è necessario spingere il punto di ruggiada a valori di -20 °c con l'utilizzo di essiccatori a membrane o piccoli essiccatori ad adsorbimento con rigenerazione a freddo.  Per tutte le altre applicazioni dove la presenza di acqua equivale al veleno , essiccatori ad adsorbimento a freddo o a caldo possono portare il valore del punto di ruggiada fino al valore di - 70 °c ( classe 1 )

PARTICOLATO - Questo inquinante ormai lo conosciamo bene perchè un filtro antiparticolato è presente anche nell'uso odierno ed è montato su tutte le autovetture di recente produzione. Si toglie con filtri a maglia fine nella misura di 0,..    Le unità di misura sono Parti Per Milione (PPM) e Micron 

Chiedi la nostra consulenza gratuita e saremo in grado di indirizzarti sul prodotto più idoneo alle tue aspettative  

Efficient, reliable and built to last, the GA 90+ - 160+ / GA 132 – 160 VSD compressors are designed to provide high quality compressed air even under harsh conditions. Thanks to Atlas Copco’s long-standing experience and pioneering innovations there’s a GA compressor available to cut costs and enable smooth, continuous operation right across your production processes

Regardless of your field, staying ahead means having an edge over your competitors. In the same way, an efficient and reliable compressed air supply for your manufacturing facilities is a key element in successful business operations. With its superior screw element, unrivalled reliability at temperatures of up to 55°C / 131°F, 3.5 to 14 bar (e) / 65 – 200 psi(g) pressure range and optional integrated air treatment equipment, the new GA range is your ticket to a gold medal.

  • Extreme efficient screw element with the Atlas Copco patented asymmetric rotor profiles
  • Highest compressor package efficiency according to ISO 1217 ed 3 annex C (including water separator). Energy recovery system recoveryng up to 94% of the compressor saft power interms of hot water.
  • Variable Speed Drive (VSD) with 80-85% flow turndown yielding 35% energy savings.
  • Your Dense phase pneumatic coal ash conveying system is a critical part of your installations and as such you need to be able to count on a reliable and efficient compressed air supply. With our GA models, you can count on smooth operation, energy savings and peace of mind. Air and oil filtration designed for heavy-duty environments ensures that GA compressors keep working when and where you need them .

    The following features mean that GA compressors are particularly well-suited to coal-fired power plant applications:

    • Extreme efficient screw element with patented asymmetric rotor profiles
    • Radial VSD fans for optimum cooling, high efficiency and low noise level
    • Heavy duty air and oil filtration for extreme reliability even under the most harsh environments.
    • Maximized flow to power ratio with the 3.5 - 5.5 bar/ 50 - 75 psig version
    • Elektronikon controllers with advanced algorithms for maximum reliability and efficiency
    • Elektronikon controlled water drains with no compressed air loss for extended efficiency